Skip to content

Biometano: appello dal mondo agricolo al Mite

Appello delle aziende agricole verso il Ministero della Transizione Ecologica per favorire fattivamente la riconversione degli impianti esistenti in produttori di biometano.

All’interno della bozza di decreto di incentivazione del biometano, nonostante il settore agricolo abbia riconosciuto lo sforzo compiuto per sostenere con tariffe più incoraggianti le taglie agricole di impianto e l’estensione della garanzia di incentivo a 15 anni, emergono significative criticità.

Permanendo questa situazione gli impianti gestiti dalle aziende agricole che saranno in grado di attuare una riconversione saranno, purtroppo, pochi e le risorse stanziate dal PNRR rischiano di non essere utilizzate. 

Per tutti gli impianti che non potranno essere riconvertiti è in ogni caso improrogabile la proposta di rinnovo dell’incentivo elettrico con criteri di efficienza energetica (alti rendimenti elettrici, sfruttamento del calore, valorizzazione del digestato) che possa garantire al settore un futuro di integrazione sempre maggiore fra la filiera energetica e quella agroalimentare, impegno che con le nostre aziende crediamo di poterci assumere totalmente.

Altrimenti, si correrà il rischio per il Sistema Paese di “chiusura degli impianti” e relative filiere di approvvigionamento, patrimonio che con grande fatica è stato avviato e consolidato negli ultimi anni nel settore delle agroenergie.

Firma anche tu, l’appello FIPER, per il futuro dell’agricoltura circolare italiana a basso impatto ambientale!
Firma la petizione online: https://www.change.org/p/favorire-fattivamente-la-riconversione-degli-impianti-esistenti-in-produttori-di-biometano

Per maggiori approfondimenti:

Condividi