Skip to content

Incentivi dal PNRR per la riqualificazione energetica delle strutture ricettive, inclusi impianti a biomassa

Credito d’imposta ed incentivi a fondo perduto fino al 100% delle spese ammissibili per hotel, agriturismi, strutture ricettive all’aperto, fiere, ed altre strutture ricettive.

Il Ministero del Turismo ha pubblicato l’Avviso recante le modalità applicative per l’erogazione dei contributi e crediti di imposta (Art. 1, D.Lgs. n. 152/2021). L’incentivo è rivolto alle imprese operanti nel settore turistico (Hotel, Agriturismi, strutture ricettive all’aperto, fiere, stabilimenti balneari, complessi termali, etc.).

Gli incentivi, cumulabili e riconosciuti fino ad un massimo del 100% della spesa complessiva ammissibile per gli interventi sono costituiti da:

  1. Credito d’imposta (cedibile in tutto o in parte) fino all’80% delle spese ammissibili sostenute per gli interventi;
  2. Contributo a fondo perduto non superiore al 50% delle spese sostenute, erogato in un’unica soluzione dopo la fine dei lavori (possibilità di anticipazione non superiore al 30% del contributo).

Sono ammissibili gli interventi di incremento dell’efficienza energetica delle strutture, indicati dall’articolo 2 del decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 6 Agosto 2020, ossia sono incentivabili interventi per l’installazione di generatori a biomasse con gli stessi requisiti dell’Ecobonus. L’incentivo sarà a sportello per gli anni 2022 (100 milioni) 2023 (180 milioni), 2024 (180 milioni) 2025 (40 milioni).

Le modalità di presentazione delle domande on-line su apposita piattaforma saranno pubblicate dal Ministero del Turismo entro il 23/02/2022. Una volta aperta la piattaforma on-line le imprese avranno 30 giorni per presentare l’istanza compilando tutti i campi del portale ed allegando tutta la documentazione amministrativa e tecnica indicata nell’elenco di cui alle sezioni dell’Allegato I dell’Avviso del Ministero del Turismo.

Condividi