Skip to content

Un nuovo studio conferma: La bioenergia da residui forestali ha un significativo impatto positivo sulla mitigazione dei cambiamenti climatici

I risultati preliminari di un recente studio mostrano che l’utilizzo dei residui forestali per la bioenergia avrà un effetto positivo sul clima fino al 2050.

I risultati preliminari di un recente studio mostrano che l’utilizzo dei residui forestali per la bioenergia avrà un effetto positivo sul clima fino al 2050. Il rapporto tiene conto del fatto che questi residui verrebbero altrimenti lasciati nelle foreste e si decomporrebbero. Considerando la decomposizione, si dimostra che la bioenergia da residui forestali non solo è neutra dal punto di vista delle emissioni di carbonio, ma ha anche un sostanziale effetto positivo in termini di protezione del clima.

I residui forestali comprendono tutti i residui della raccolta e le perdite naturali dovute a mortalità, insetti e tempeste, esclusi i residui nel suolo (radici e ceppi) o nella lettiera. Questo legno di bassa qualità, contenente detriti legnosi sia grossolani che fini, non è adatto ad altri usi nell’industria del legno. Utilizzando questi residui forestali disponibili per il cippato in Europa per la bioenergia, si possono evitare cumulativamente circa 5,6 miliardi di tonnellate di CO2eq dal 2020 al 2050, salvaguardando la biodiversità e la salute delle foreste. Questa quantità di risparmi derivanti dall’utilizzo dei residui è paragonabile a 8 volte le emissioni del trasporto stradale nell’UE27 nel 2020. Questo calcolo si basa sull’uso di cippato di residui forestali in Europa, che consentirà di risparmiare 2,8 miliardi di tonnellate di CO2eq entro il 2050, con una quantità di residui pari al 10% dello stock in crescita lasciato nella foresta per salvaguardare la biodiversità. Se tutti i residui venissero lasciati nelle foreste, le emissioni sarebbero di oltre 2,8 miliardi di tonnellate di CO2eq.

L’utilizzo dei residui forestali offre uno scenario win-win-win perché fornisce un contributo positivo alla transizione energetica, alla protezione del clima e alla biodiversità. Pertanto, dovrebbe essere classificato come ammissibile ai finanziamenti statali in Europa.

I risultati dello studio evidenziano inoltre le sinergie con le tecnologie a emissioni negative come la bioenergia con cattura e stoccaggio del carbonio (BECCS) o il biochar, nonché con l’idrogeno. Questi benefici aggiuntivi aprono la porta a futuri progetti intelligenti per il clima e l’energia nel medio termine.

L’autore dello studio, il professor Hubert Röder, commenta che “Esiste ancora un grande potenziale nell’utilizzo della biomassa legnosa primaria a fini energetici. Si tratta principalmente di un sottoprodotto di una gestione forestale intelligente e sostenibile che mira a produrre legname di alta qualità. Se i residui non vengono utilizzati, marciscono nella foresta, senza sostituire i combustibili fossili e senza creare reddito dalle pratiche di gestione forestale sostenibile. In altre parole, si tratta di una situazione perdente per la transizione energetica, la transizione verso foreste resilienti al clima e la mitigazione dei cambiamenti climatici”.   

_______

Progetto KLIMAHOLZ, Autore: Prof. Dr. Hubert Röder, Cattedra di Economia Aziendale Sostenibile, Hochschule Weihenstephan-Triesdorf / TUM Campus Straubing. Gli ulteriori risultati dello studio saranno pubblicati nel gennaio 2023.

La valutazione è condotta “Cradel-to-grave” (dalla culla alla tomba), includendo tutti gli aspetti dello stoccaggio e del decadimento alternativo nella foresta e una sostituzione in diminuzione dinamica dovuta al miglioramento dell’impatto climatico dell’approvvigionamento energetico europeo.

Il legno morto, pari ad almeno il 10% dello stock in crescita, viene lasciato nella foresta e garantisce la biodiversità. (Blanco (2012). Ecosistemi forestali: More Than Just Trees)

Leggi l’articolo originale sul sito di Bioenergy Europe

Condividi